Formaggio Kosher

Il formaggio necessita della supervisione kosher per due motivi. In primo luogo, tutti gli ingredienti nel formaggi, tra cui il caglio (il meccanismo di cagliatura) utilizzato per impostare il formaggio, devono provenire da una fonte kosher (o microbica, geneticamente preparata, o da un animale macellato correttamente). La cultura di avviamento deve essere kosher, come lo devono essere gli additivi che esaltano il sapore.

Al OK, se il formaggio è fatto con ingredienti non-kosher, trattiamo allo stesso modo il siero non kosher. (Va notato che l’autorità Halachic Rabbi Moshe Feinstein, zt'l, considera questo siero kosher. Tuttavia, a causa delle complessità nell'utilizzo del siero fatto in questo modo, le principali agenzie kashrus non permettono l'utilizzo di siero da formaggio non -kosher.)

La seconda questione kashrus riguarda gevinas Akum, la legge kosher che richiede la partecipazione di un ebreo nella produzione di formaggio kosher. Il formaggio svizzero è l'esempio più comune di un formaggio cotto, prodotto dal riscaldamento della cagliata e del siero pari o superiore a 120 ° F. In questo scenario, alcuni ritengono che il gusto di gevinas Akum è stato assorbito nel siero. L'opinione prevalente tra le agenzie kashrus è quella di essere severi con questo siero. Pertanto, se un Ebreo non ha partecipato alla produzione del formaggio, noi non certificheremo il sottoprodotto del siero di latte o della crema di siero di latte.

Si può sostenere che ci sia spazio per una clemenza con i formaggi svizzeri, perché il siero si separa dal formaggio prima che il processo di caseificazione è completato. In questa fase iniziale, si può pensare che la regola di gevinas Akum non sia richiamato, ma questa non è l'opinione prevalente.

Ma un ulteriore serio problema si pone con alcuni formaggi italiani come la mozzarella, che sono trattati in modo diverso. Dopo che questi formaggi sono finiti, essi sono cotti in acqua a 165 ° F per renderli malleabili. (Ecco come si ottiene la qualità di formaggio"stiramento"  utilizzata per la pizza.) Durante il processo di cottura, il gusto di gevinas Akum viene assorbito nell'acqua che contiene anche la crema di siero di latte. Molti produttori di mozzarella vendono la crema di siero di latte che viene estratta da questa acqua di cottura. Di conseguenza, la presenza di questa crema di siero nel burro renderà il burro non kosher.

Attualmente l'OK non certifica ogni impianto produttore di burro in cui la crema di siero di latte non kosher è utilizzata in tutti i modi. Pertanto, questa commistione di crema non è un problema con i prodotti certificati OK, ma resta un problema generale per il burro non certificato per il consumatore.